Consorzio Acquedottistico Marsicano

Captazione acqua, la Cassazione: il Cam non deve nulla a Enel. Controversia chiusa dopo 20 anni; scongiurato maxisalasso per molti Enti

Amministrazione Trasparente
Consorzio Acquedottistico Marsicano

Attenzione: per consultare la pagina "", verrai reindirizzato sul Portale del Consorzio Acquedottistico Marsicano dedicato alla Trasparenza.
Attendi qualche secondo per accedere automaticamente, o entra subito nel Portale della Trasparenza.

Annulla e rimani sul sito Istituzionale
Consorzio Acquedottistico Marsicano
Consorzio Acquedottistico Marsicano
Notizie dal Consorzio
Home Page » Archivi » Notizie dal Consorzio » Captazione acqua, la Cassazione: il Cam non deve nulla a Enel. Controversia chiusa dopo 20 anni; scongiurato maxisalasso per molti Enti
Ricerca assistita
Ricerca assistita
Mentre digiti nella casella di ricerca la funzione di completamento automatico ti offre diverse soluzioni di ricerca
Icona freccia bianca
Captazione acqua, la Cassazione: il Cam non deve nulla a Enel. Controversia chiusa dopo 20 anni; scongiurato maxisalasso per molti Enti
enel
25-11-2016

Scongiurato definitivamente, dalla Cassazione, l’assalto multimilionario dell’Enel alle casse del Cam (e di molti Enti abruzzesi e laziali) per il prelievo di acqua, dalle sorgente del Liri e del lago del Salto, destinata al consumo umano: a quasi venti anni di distanza, i giudici delle Sezioni riunite della Corte Suprema hanno messo la parola fine alle pretese risarcitorie di Enel in danno del Consorzio Acquedottistico Marsicano (e degli altri), subentrato nella gestione del ciclo idrico all’ex Casmez dal 1° gennaio 1989. Sentenza storica e non solo per la durata della controversia legale segnata da ben 10 sentenze, ma anche per la decisione finale sfavorevole all’Enel che, molti anni fa, aveva vinto la causa contro l’ex Cassa del Mezzogiorno chiamata a pagare l’indennizzo fino al 1° gennaio 1989.
La storia, come descritto in una delle due sentenze, cominciò allorché “intorno agli inizi degli anni ottanta del secolo scorso la Cassa per il Mezzogiorno iniziava a prelevare acqua per uso potabile da numerose sorgenti tributarie del bacino del Tevere, lungo il quale l’Enel aveva in precedenza installato alcuni impianti per la produzione di energia elettrica. Trattandosi di derivazione senza titolo concessorio l’Enel conveniva in giudizio la Cassa per il Mezzogiorno innanzi al Tribunale Regionale delle Acque Pubbliche, in Roma, che condannava l’Ente al risarcimento dei danni fino al 1 gennaio 1989”.
Per gli anni successivi al 1988 l’Enel chiamò in causa il Cam, difeso dall’Avvocato Giorgio Sucapane, con atto di citazione risalente al 1996. Anni dopo, in prima istanza, il Tribunale delle Acque stabilì un danno complessivo di circa 25 miliardi di lire successivamente convertiti, previa rivalutazione e aggiunta di altri anni nel frattempo trascorsi, in 25 milioni di Euro. Poi arrivò il primo colpo di scena: il Tribunale Regionale, mutando il precedente indirizzo, rigettò le domanda dell’Enel “sull’incertezza della illegittimità del prelievo di acqua per uso antropico e sulla insufficienza delle prove raccolte”. Via via fino al “the end” della sentenza definitiva delle Sezioni riunite della Cassazione che -su parere conforme del Procuratore Generale- ha stoppato le pretese risarcitorie di Enel facendo tirare un sospiro di sollievo al Cam, le Regione Abruzzo e Lazio, e numerosi Comuni, e aperto spiragli anche per chi paga. 

25-11-2016 18:21

Notizie e Comunicati correlati

lavori
16-05-2017
- Avezzano. Stop temporaneo all’erogazione dell’acqua giovedì 18, nell’area nord ....
trend
10-05-2017
- Addio premio di risultato uguale per tutti al Cam, la società di gestione del ciclo idrico integrato ....
madia
24-04-2017
- Avezzano. Sessanta minuti spesi bene, toccando con mano la realtà Cam, una delle migliaia di società ....
AD Venturini
21-04-2017
- Avezzano. Studenti dell’I.i.s “Majorana” alla scoperta del sistema idrico integrato ....
alunni dep
14-03-2017
- Acque nere e maleodoranti in ingresso, acque limpide in uscita, gli studenti delle elementari “Don ....
Qualità delle acque
12-02-2017
- Acqua di nuovo nei parametri in tutti i Comuni marsicani e nei centri della Regione Lazio serviti dal ....
1
31-12-2016
- Avezzano. Fatturazioni a scadenze diversificate per gli 84mila utenti del Cam. Il nuovo modello di pagamento, ....
BILANCIO
10-08-2016
- Azionisti del Cam, ovvero i sindaci della Marsica, “soddisfatti” per i numeri del bilancio ....

Immagini correlate

Conferenza stampa: l'intervento dell'A.D. Ing. Giuseppe Venturini
L'intervento della Ministra Marianna Madia
L'arrivo della Ministra Marianna Madia: nella foto il Sindaco di Avezzano Giovanni Di Pangrazio, la Presidente del CAM S.p.A. Avv. Paola Attili, l' A.D. Ing. Giuseppe Venturini e il Dirigente Ing. Leo Corsini.
Il Cam incontra le scuole: l'A.D. Ing. Giuseppe Venturini con gli alunni dell'ITIS "Ettore Majorana" di Avezzano
Visita della Ministra Marianna Madia nel laboratorio Analisi del Cam S.p.A.
L'intervento del Sindaco di Avezzano e Presidente del Consiglio di Gestione del Cam S.p.A. Dott. Giovanni Di Pangrazio

Condividi questo contenuto

- Inizio della pagina -

Consorzio Acquedottistico Marsicano S.p.A.
Via Caruscino, 1 - 67051 Avezzano (AQ)
Tel. 0863 090 030 - Fax 0863 4589215
E-mail: cam@cam-spa.com
Iscrizione nr. 01270510660 del Reg. delle Imprese de L’Aquila

Cap. Soc. Euro 26.419.100,00
C.F. e P.IVA 01270510660

Il sito del Consorzio Acquedottistico Marsicano S.p.a. è un progetto realizzato da Internet Soluzioni S.r.l. con la piattaforma ISWEB - Content Management Framework

Il progetto Consorzio Acquedottistico Marsicano è sviluppato con il CMS ISWEB® di Internet Soluzioni Srl www.internetsoluzioni.it